Lavorazione delle lamiere: le fasi più importanti

lavorazione delle lamiere

Il mercato delle lamiere è un mondo complesso e variegato, caratterizzato da un’offerta ampia ed estremamente profonda.

Infatti ogni cliente può scegliere le lamiere in base alla loro composizione – ferro, zinco o alluminio – nonché in base alle caratteristiche fisiche, come ad esempio lo spessore, o cromatiche dello stesso prodotto (scopri le diverse tipologie di lamiere).

Nonostante le molteplici differenze tra una lamiera ed un’altra, ogni foglio può essere lavorato, dai professionisti del settore, mediante l’ausilio dei macchinari di ultima generazione.

La lavorazione delle lamiere può includere le seguenti fasi:

  • Taglio delle lamiere;
  • Scantonatura delle lamiere;
  • Piegatura delle lamiere;

Lavorazione delle lamiere: il taglio dei fogli

Il taglio delle lamiere zincate o preverniciate (ma anche di qualsiasi altro materiale) è uno degli aspetti più importanti di questo processo di trasformazione.

I fogli hanno delle dimensioni standardizzate e spesso sono troppo grandi per essere utilizzati in determinati lavori.

Per questo motivo è opportuno rivolgersi ad un professionista, in molti casi si può parlare di artigiani, che taglierà il foglio in base alle dimensioni richieste.

Il taglio delle lamiere può avvenire con il laser oppure con le cesoie, ovvero un macchinario computerizzato che guiderà le lame alla divisione del foglio.

In entrambi i casi, i risultati saranno sorprendenti poiché i fogli non presenteranno rotture né tanto meno segni di usura da taglio come avviene con l’incisione manuale.

Lavorazione delle lamiere: la scantonatura dei fogli

Oltre al taglio delle lamiere, il processo di lavorazione include anche la scantonatura.

La scantonatura è quella operazione mediante la quale è possibile tagliare gli angoli delle lamiere così da ottenere una foglio con uno o più angoli retti.

Anche la scantonatura delle lamiere dovrà essere obbligatoriamente eseguita da un professionista del settore e anche in questo caso dovrà essere realizzata con un apposito macchinario: la scantonatrice.

La scantonatrice è un macchinario sofisticato che consente di tagliare gli angoli nella giusta lunghezza e gradazione.

Le misure vengono inserite manualmente mentre il macchinario sarà azionato con gli appositi pulsanti.

Lavorazione lamiere: la piegatura dei fogli

L’ultima importante processo di lavorazione delle lamiere è quello inerente alla piegatura dei fogli.

Con l’ausilio di un computer, l’artigiano sarà in grado di indicare alla piegatrice i dati indispensabili per piegare il foglio.

I dati da inserire sono: l’angolazione, la forza di pressione e lo spessore della lamiera.

Generalmente questa operazione è preceduta dalle altre due appena elencate.

Conclusioni

Dunque la lavorazione delle lamiera è una delle operazioni più importanti nel campo del artigianato italiano.

Ogni professionista, con l’ausilio dei macchinari, può tagliare i fogli, scantonarli e piegarli in base alle esigenze della propria clientela.

Dai visibilità all'artigianato italiano